MOLININFESTA, la festa di Pasqua in musica

10891465_1630012987218195_3377940920752205977_nTorna anche quest’anno il tradizionale appuntamento pordenonese di Pasqua con la musica di qualità: protagonisti dell’evento saranno il psychedelic folk, alt folk di MILES COOPER SEATON & C+C=MAXIGROSS e il surf, lo-fi, garage dei THE ROOKS; il djset è affidato all’ utopian selection di Jessica Hyde.

Inoltre: videoproiezioni, installazioni, food&drinks, etc..

La festa targata Kactus, che da inizio alla primavera, cambia location e da Casa Caccia si sposta presso lo splendido Parco “Ai Molini”, di fronte al Comune di Pasiano di Pordenone.

L’evento, a ingresso libero, si terrà anche in caso di pioggia, grazie all’ampia tettoia e alla zona bar all’interno del fabbricato dei molini!

MORE INFOS:

Miles Cooper Seaton (Akron/Family – US) & C+C=Maxigross (VR, IT)
psychedelic folk, alt folk
—–
Continuano le collaborazioni internazionali per il collettivo psichedelico C+C=Maxigross!
Dopo il lunghissimo tour del primo album “Ruvain” (Vaggimal/Audioglobe, 2013), coprodotto da Marco Fasolo dei Jennifer Gentle, che li ha portati in giro per l’Europa con oltre 120 date tra l’Italia e i migliori festival internazionali (Primavera Sound 2014 di Barcellona, Fusion e Reeperbahn in Germania tra i tanti) e l’ep “An Instantaneous Journey” (2014) realizzato assieme al songwriter norvegese Martin Hagfors (HGH, Home Groan, collaboratore di Motorpsycho e Jaga Jazzist) i C+C=Maxigross stanno per iniziare una nuova imprevedibile avventura con un pilastro della scena avant / experimental / rock statunitense degli ultimi dieci anni: Miles Cooper Seaton, voce e basso degli Akron/Family.
Miles Cooper Seaton sarà in Italia per tutto il mese di marzo 2015 per realizzare un nuovo album assieme ai C+C=Maxigross che registreranno nei loro Vaggimal Studios sui monti veronesi della Lessinia. Al disco parteciperà da lontano anche Joe Westerlund, già batterista dei Califone e Megafaun, band imprescindibili della scena alt. folk americana, che manderà il suo drumming scritto per loro direttamente da L.A.
Le registrazioni saranno intermezzate da alcune date in giro per l’Italia, tra le quali molinINfesta – Parco ai Molini, Pasiano (PN)!
http://www.vaggimal.com/
https://www.facebook.com/cpiucugualmaxigross
http://www.milescooperseaton.com/
https://www.facebook.com/akronfamily?fref=ts
_____________________________________________

The Rooks (TV, IT)
surf, lo-fi, garage from Cordignano Veneto Rock City.
—–
Iniziano a suonare nell’ormai lontano 2012 avendo più di 30 date all’attivo in bar sperduti, club e ex night club. Nell’estate del 2013 si rinchiudono nella zona caldaia di casa di William, con un 4 tracce e un microfono, per registrare il loro primo lavoro autoprodotto.
Esce così “Il primo infernale disco dei Rooks” un EP a 5 tracce.
Hanno aperto concerti di Bologna Violenta, Antares, Bud Spencer Blues Explosion.
I Rooks sono Marco Zuccaro, Matteo Pin, William Zancan e Luca Soldera, pronti a portare l’#estate nei vostri cuori.
https://www.facebook.com/rooksband?fref=ts
http://the-rooks.bandcamp.com/
_____________________________________________

Jessica Hyde dj set (PN, IT)
utopian selection
—–
Progetto di selezione musicale che nasce dalla voglia di mantenere un costante contatto con la realtà in movimento. Indipendente, rock’n’roll, post, kraut, psych.

Inaugurata “8 ½ Festa do Cinema italiano – Il cinema italiano nei paesi Lusofoni”

festa_do_cinema_700x500mm_lisboa01E’ stata inaugurata ieri sera a Lisbona la prima tappa di 8 ½ Festa do Cinema italiano – Il cinema italiano nei paesi Lusofoni. Anche quest’anno 8½ Festa do Cinema Italiano porterà in Portogallo e in altri paesi lusofoni il meglio della produzione cinematografica italiana e comincerà il suo viaggio a Lisbona dal 25 marzo al 2 aprile, spostandosi poi in altre città portoghesi come Porto, Coimbra, Évora e Funchal.

La Festa prosegue poi a Giugno la sua avventura verso altre destinazioni lusofone, come Luanda in Angola, Maputo in Mozambico e altre tappe che verranno annunciati a breve.

L’8ª edizione del festival presenta un programma ricchissimo che include due anteprime internazionali: Noi e la Giulia, il recentissimo successo di Edoardo Leo e l’ultima opera di uno dei registi italiani più apprezzati all’estero, Gabriele Salvatores con Il Ragazzo Invisibile.

Molte sono anche le anteprime nazionali, a dimostrazione del legame che il festival ha stretto negli anni con i principali distributori portoghesi. Si inizia con il film d’apertura Le Meraviglie presentato al pubblico da Alice Rohrwacher. Assieme a lei sono presenti anche la l’attrice Alba Rohrwacher e Saverio Costanzo con la loro ultima opera, Hungry Hearts.

Spazio anche ai grandi maestri del cinema italiano con la proiezione di Torneranno i Prati di Ermanno Olmi, Il Giovane Favoloso di Mario Martone e l’anteprima portoghese di Che Strano Chiamarsi Federico di Ettore Scola.

Altro grande evento è la presentazione della serie di culto Gomorra, che sarà proiettata integralmente alla Festa do Cinema Italiano prima di essere trasmessa dalla televisione portoghese.

Tra i film in competizione si risaltano le anteprime portoghesi di Anime Nere di Francesco Munzi, Short Skin di Duccio Chiarini assieme a Incompresa di Asia Argento, Le Cose Belle di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno e Più Buio di Mezzanotte di Sebastiano Riso.

Nell’8ª edizione della Festa do Cinema Italiano ci sarà anche spazio per un FOCUS su una delle regioni più belle e meno conosciute d’Italia: la Basilicata. Grazie alla fruttuosa collaborazione con la Lucana Film Commission e l’APT Basilicata .

Continua anche la collaborazione con Cinemateca Portuguesa – Museu do Cinema grazie alla quale sarà possibile rivedere sul grande schermo tutti i capolavori di Sergio Leone. Punto alto sarà la prima proiezione in Portogallo della versione director’s cut di C’era Una Volta in America.

Infine, si ricorda che quest’anno l’intera immagine e campagna promozionale della Festa do Cinema Italiano è stata sviluppata da Fabrica, il centro di ricerca di comunicazione del gruppo Benetton. Un’importante collaborazione  che contribuisce a incrementare il prestigio e la visibilità del festival.

Per maggiori informazioni www.festadocinemaitaliano.com

A trent’anni dal film, esce la versione definitiva della colonna sonora di “Demoni”

demons-cover2In occasione del trentesimo anniversario del film, Rustblade Records propone la versione definitiva della colonna sonora di “Demoni”, straordinario film cult diretto da Lamberto Bava e prodotto da Dario Argento. La musica composta da Claudio Simonetti accompagna l’andamento del film in un crescendo di tensione e orrore. Il compositore orchestra magistralmente il ritmo dei brani perennemente in tensione armonica con le immagini. Dopo 30 anni l’impianto sonoro di Simonetti si mantiene magistralmente fresco, vivace e contemporaneo. Un masterpiece in una nuova edizione in vinile, box e CD.

L’edizione box contiene anche i brani della colonna sonora reinterpretati da artisti del panorama electro/alternative internazionale come Leaether StripCervello ElettronicoOGHRThe Devil & The Universe e tanti altri.

 www.rustblade.com

Metropolis di Fritz Lang torna in sala restaurato

PosterMetropolis torna sul grande schermo nella versione restaurata più completa oggi esistente, realizzata nel 2010 da Friedrich-Wilhelm-Murnau-Stiftung e Deutsche Kinemathek in seguito al ritrovamento in Argentina di 25 minuti di pellicola ritenuti perduti. Finalmente in sala il film come Thea von Harbou l’aveva scritto e Fritz Lang l’aveva girato, con la colonna sonora originale di Gottfried Huppertz, ricostruita ed eseguita da Frank Strobel, alla guida della Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin. Metropolis  torna distribuito dalla Cineteca di Bologna, nell’ambito del progetto Il Cinema Ritrovato. Il film sarà in programma nella regione Friuli Venezia Giulia al Visionario di Udine oggi, mercoledì 25 marzo alle ore 14.50 e alle 20.00.

Due anni di lavoro (1925-1926), una produzione faraonica e spese incontrollate, fino alla prima del 10 gennaio 1927: da quel momento Metropolis non è più stato il film che Fritz Lang aveva realizzato. Storpiato e massacrato dalle uscite nelle sale cinematografiche, il Metropolis che ha circolato per i decenni a venire, pur mantenendo “la sua forza emotiva, la sua inedita e sorprendente bellezza” (nelle parole di Luis Buñuel), ha fatto emergere elementi inconcludenti, nell’intreccio di una vicenda narrativa assai complessa. Come scrive il critico Balthasar (Roland Schacht), che, sul finire del 1927, si trova di fronte a due film differenti: “Questo Metropolis non ha nulla a che vedere, neppure lontanamente, con il film che abbiamo visto meno di un anno fa”. 83 anni dopo la prima originale, Metropolis è finalmente tornato a vivere sullo schermo così come era stato scritto e girato.

_____________________________
IL CINEMA RITROVATO. AL CINEMA
METROPOLIS
di Fritz Lang
Germania 1927, 149′
con Gustav Fröhlich, Brigitte Helm, Alfred Abel, Rudolf Klein-Rogge
VISIONARIO
25 marzo ore 14.50 – 20.00

Negrita : esce oggi “9”

images

 

Dopo il successo di “Dannato Vivere” del 2011, premiato con il Disco di Platino, e del progetto acustico “Déjà Vu” che li ha visto protagonisti anche nei teatri di tutta Italia, esce oggi, martedì 24 marzo, “9”, il nuovo attesissimo album dei Negrita, che tornano così prepotentemente sulla scena. Prodotto da Fabrizio Barbacci, anticipato dal singolo “Il Gioco”, “9” si è già posizionato al 1° posto della classifica degli album più venduti.

La band aretina presenterà dal vivo il nuovo lavoro in un tour di otto concerti nei palazzetti delle città italiane, al via il 10 aprile da Firenze e che si concluderà proprio in Friuli Venezia Giulia, il prossimo sabato 25 aprile al Palasport Forum di Pordenone. I biglietti per il concerto, organizzato da Azalea Promotion in collaborazione con il Comune di Pordenone, la Regione Friuli Venezia Giulia e Live Nation Italia, inserito inoltre nel pacchetto “Music&Live” realizzato dall’Agenzia TurismoFVG, sono ancora in vendita online su Ticketone e nei punti autorizzati.

Il disco, registrato al “Grouse Lodge” (Rosemount, Irlanda) e masterizzato da Ted Jensen allo “Sterling Sound” (New York, Usa), contiene 13 brani che recuperano le radici più rock della band. «I nostri dischi precedenti nascono all’insegna di viaggi importanti. Questi viaggi ci hanno sempre portato in paesi e territori alternativi rispetto alla scena rock: Brasile, Argentina, Spagna. Qui al Grouse Lodge, in Irlanda, si respira l’aria e l’atmosfera che permeava i dischi che abbiamo ascoltato nell’adolescenza. Qui siamo effettivamente nel cuore del Rock». Ha commentato cosi l’uscita del disco Enrico Salvi, in arte Drigo. Questa la tracklist del disco: “Il Gioco”, “Poser”, “Mondo Politico”, “Que Será, Será”, “Se sei l’Amore”, “1989”, “Ritmo Umano”, “Il nostro tempo è Adesso”, “Baby I’m in Love”, “Niente è per Caso”, “L’Eutanasia del Fine Settimana”, “Vola Via con Me”, “Non è Colpa Tua”.

Saliti alla ribalta nel 1994 con l’omonimo album NEGRITA, la band ha saputo negli anni affermarsi e maturare, diventando un vero e proprio gruppo di riferimento del panorama rock italiano. Una carriera lunga e fortunata per la band trainata dalla grinta del suo front man Paolo Bruni, in arte Pau. Da sempre molto apprezzati nella dimensione live, i Negrita si sono lanciati nel corso degli anni in progetti molto diversi, raccogliendo sempre enormi consensi da pubblico e critica. XXX, Radio Zombie, HELLdorado, Dannato Vivere, questi alcuni degli album di maggiore successo. Ora i Negrita sono pronti a riaccendere gli amplificatori perché non può esserci un nuovo disco senza nuovi live, intesi nella maniera che la band predilige, spettacoli dove si suda rock, si canta e si salta tutti assieme, autentici happening per gli amanti di questo genere musicale, che i Negrita rappresentano ormai da vent’anni.

Le Voci Dell’Inchiesta: sospesa l’edizione 2015

voci inchiesta 2012-ospiti+pubblico_foto elisa caldanaCinemazero annuncia la difficile decisione di sospendere per il 2015 il festival Le Voci dell’Inchiesta.

Le ragioni si trovano nella necessità di ammortizzare gli sforzi – economici e del personale – legati al trasferimento e rinnovamento della Mediateca, del recente trasloco degli uffici e dell’ammodernamento della Sala Grande.

La decisione non è stata certamente semplice o indolore, ma è stata fatta con la ferma convinzione di ritornare il prossimo anno con un festival aggiornato nella forma e nei contenuti, grazie anche agli importanti miglioramenti apportati alle strutture, alla moltiplicazione dei servizi e delle iniziative e all’ampliamento di sguardo ed energie che il nuovo contesto ha già messo in campo.

Il Presidente Renato Cinelli ricorda che “Le Voci dell’Inchiesta è un festival importante per Cinemazero, che infatti in questi anni l’ha sostenuto, anche economicamente, proprio per la centralità che i temi trattati hanno per l’Associazione. La difficile congiuntura economica ha portato alla necessaria scelta di prendere una pausa, che confidiamo l’affezionato pubblico del festival comprenderà, sapendo di poter contare su un ritorno che già ora si sta pianificando”.

La Scimmia Nuda apre il Social Club

La Scimmia Nuda live_pic002Cresce l’attesa per il ritorno della Scimmia Nuda nella sua nuovissima versione. Forte del grande successo di pubblico e di critica ottenuto negli ultimi due anni, il progetto artistico – musicale de La Scimmia Nuda si evolve ulteriormente e apre il Social Club, un nuovo contenitore per la musica live a Udine, situato nel Padiglione 9 di Udine Fiere (Torreano di Martignacco in via Cotonificio 96).

Il primo appuntamento è fissato per oggi, martedì 24 marzo (apertura porte ore 20:30, inizio concerto ore 21:30), con il grande opening party inaugurale: sul palco il collettivo della Scimmia Nuda al completo (Francesco Bertolini, Federico Missio, Paolo Corsini, Rudy Fantin, Lello Gnesutta, Alessandro Turchet, Andrea Pivetta e Luca Colussi), che nella sua evoluzione si è espanso accogliendo nuovi musicisti e numerose novità. Musica jazz dall’alta carica di energia, in un repertorio immediato ed emozionale che non richiede ragionamento, ma parla senza inibizioni al pubblico della Scimmia Nuda. La serata sarà un vero e proprio party per festeggiare il tanto atteso ritorno del progetto e le moltissime novità della sua versione 3.0. Migrando nella nuova location della Scimmia Nuda Social Club in fiera a Udine, il progetto compie dunque un’importantissima evoluzione: il locale si preannuncia un luogo suggestivo e irripetibile, sempre in movimento e pronto ad evolversi. Un nuovo spazio al centro del quale c’è la ricerca artistica di alto livello, per ricordarci che è da “nudi” che si riesce ad esprimere la propria creatività.

Nato come collettivo jazz che ha dato corpo e suono ad un progetto musicale davvero originale, la Scimmia Nuda diventa dunque anche luogo fisico. La Scimmia Nuda Social Club vuol dire musica rigorosamente live durante tutta settimana, con serate dedicate al jazz, al rock, alla musica classica, all’elettronica, ma anche alla sperimentazione interattiva fra differenti discipline artistiche. Dopo la grande serata inaugurale di domani, il calendario ideato e proposto dall’Associazione Culturale LiveAct entrerà nel vivo con un ricco programma di 4 appuntamenti da giovedì 26 a domenica 29 marzo: si parte con l’incontro Parole d’Artista a cura di Serena Di Blasio e Sebastiano Solerte che metteranno a confronto due mostri sacri del folk rock, Bob Dylan e Joni Mitchell, si prosegue venerdì tra rock ed elettronica con Egle Sommacal, chitarrista dei Massimo Volume, e gli OoopopoiooO, il celebre duo sperimentale composto da Valeria Sturba e Vincenzo Vasi, già musicista di Mike Patton, Vinicio Capossela e Remo Anzovino. Tantissimi gli altri protagonisti. Da far invidia a un festival. I biglietti saranno acquistabili all’ingresso le sere dei concerti. Il calendario completo è disponibile sul sito www.lascimmianuda.it

La Scimmia Nuda Social Club vuol dire anche gusto a regola d’arte: nelle serate di martedì e sabato sarà possibile cenare su prenotazione (tel. 336 8604242, e-mail: info@lascimmianuda.it). Alla proposta artistica, il Social Club abbina dunque l’enogastronomia di prima qualità. Tradizione, buona cucina e un’ampia selezione di vini e drink: le formule proposte per il pubblico saranno in grado di soddisfare tutti i gusti. Come nei migliori club internazionali, il servizio ristorante è offerto al piano rialzato della stessa sala concerti, da cui è possibile seguire lo spettacolo con un’ottima visuale.

PER INFORMAZIONI E CALENDARIO COMPLETOwww.lascimmianuda.it

(comunicato stampa)

Recensione – Dancing With Maria

11007739_404656272992624_4855798020812199360_nÈ nelle sale cinematografiche di tutta Italia da qualche settimana dopo la presentazione avvenuta a Venezia lo scorso settembre ed il film di Ivan Gergolet Dancing With Maria non arresta la sua corsa e non smette di emozionare.
Complice l’amore che traspare per la metropoli Argentina, il documentario si fonde con l’atmosfera di Buenos Aires dove da decenni Maria Fux opera come danzatrice e maestra in uno studio dove convergono allievi da tutto il mondo. E proprio grazie ad un’allieva, Martina Serban, moglie del regista che troviamo anche tra i protagonisti del documentario, la camera di Ivan è entrata in contatto con la magia e la teatralità di questa signora della danza, che a oltre novant’anni continua ad insegnare e a regalare momenti di leggera profondità ai suoi allievi attraverso la disciplina che ha fondato. Nella sua costante ricerca di nuove forme di espressione corporea è nata infatti la danzaterapia: un modo per superare i propri handicap, esteriori o interiori, tessendo con il proprio corpo figure spontanee e immaginifiche.
Il bel documentario dell’autore isontino si avvale delle musiche originali del compositore Luca Ciut, appositamente orchestrate e atte a sottolineare con “pennellate” di archi i passaggi più intensi del film in un omaggio alla danza e al suo potere liberatorio e salvifico attraverso la figura di una donna caparbia che gode anche attraverso il suo mestiere di insegnante ogni ultimo istante del suo percorso esistenziale. Quadri stretti e intensi con immagini di grande bellezza assieme a scene di danza corale caratterizzano questo documentario delicato e decisamente ispirato che continua ad emozionare sia nei festival che in sala.

https://vimeo.com/102633939