Live – Editors @ Unipol Arena Bologna

editorsUnipol Arena o Palasport di Casalecchio di Reno, uno dei maggiori impianti sportivi indoor polivalenti d’Italia, quinto in Italia per capienza.
E’ qui che gli Editors venerdì 28 febbraio 2014 hanno dato inizio alla magia.

Non avevo mai visto un live di Tom Smith & soci e dato che, tra alti e bassi, li seguo dal 2005 ho pensato che era finalmente giunto il momento.
D’altronde come potevo non innamorarmi di una band che precedentemente si chiamava Pilot. Insomma. Mi sono sentito personalmente chiamato in causa.

 

Puntualissimi alle 21 i ragazzi di Birmingham escono sul palco tra il delirio dell’Arena che li attendeva trepidante.

Forse neanche loro si aspettavano un’accoglienza del genere: ottomila spettatori giunti da tutta Italia per l’unica data nel bel paese di quest’anno, spettatori che probabilmente hanno assistito al concerto italiano più in grande stile di sempre per la band, ormai adulta a tutti gli effetti.

Ci terranno pure a non essere identificati solo come la band tenebrosa che ha riportato in auge la dark wave, ma per gli Editors le tinte oscure sono quelle predominanti, sin dall’inizio. A partire dal suono naturalmente, ma anche da un semplice fatto cromatico rotto solo dalle fiamme (reali) che s’alzano dal palco dopo pochi istanti dall’avvio dello show.

La performance è di altissimo livello, eccellente sia l’esecuzione che la voce di Tom, il palco è loro, gli appartiene in toto, e noi dal parterre non possiamo che seguire a tempo con gli occhi sognanti il susseguirsi delle migliori tracce dei loro quattro album, da “All Sparks” a “Nothing”.

Il loro sound si conferma potente anche dal vivo e capace di riassumere le anime diverse degli Editors.
Dopo quasi due ore di concerto il meglio lo riservano in coda, nella seconda uscita, tra “Smokers outside the hospital doors” e la conclusiva “Papillon”.
E poi sono solo meritatissimi applausi, lustrini e “una tonnellata d’amore”.